Linea centrale

di Stefano Pioli

Prima di parlare di linea centrale e meglio capire un’altra linea di riferimento la “linea mediana”.La linea mediana, è quella linea ipotetica che percorre verticalmente l’intero corpo umano, indipendentemente da dove la si guarda, parte dal centro della sommità del capo, va verso il basso, percorrendo il collo ed il busto tramite la colonna vertebrale, arriva nel punto centrale in basso tra gli organi genitali e l’ano per poi toccare terra.

Essa rappresenta  la divisione (piano saggittale) che divide ipoteticamente il nostro corpo in due parti uguali. E’ questo un concetto molto importante nel wing chun, perchè su di essa si trovano i punti vitali (genitali, bocca dello stomaco, gola, mento, naso, occhi) ma oltre a difendere i punti vitali, si deve imparare anche ad attaccare l’aggressore  sulla linea centrale per lo stesso motivo, in quanto si deve riuscire a risolvere lo scontro nel minor tempo possibile. Ecco perchè fa uso di tecniche che economizzano il movimento.La Linea centrale, quindi, é quella linea retta immaginaria che parte dalla linea mendiana di un praticante e arriva alla linea mediana dell’altro (opponente), indipendentemente dalla posizione del due individui: Nella prima forma “Siu Nim Tao” la linea centrale è frontale, perpendicolare alla lnea mediana e divide in due parti uguali il corpo. ….ma quando si è in applicazione i due praticanti si muovono e la linea centrale si sposta tenendo sempre il riferimento delle linee mediane. La funzione della linea centrale è quella di capire dove la struttura è più vulnerabile e  tenerla sempre protetta,  ma a sua volta contrattaccare nella debolezza dell’avversario. Quindi lo studio della linea centrale include la conoscenza dei  punti vulnerabili, perchè proprio su questo si basano li contrattacchi del Wing Chun, cercando di proteggere la propria linea centrale e violando quella dell’avversario.Tutte le “guardie”  del Wing Chun hanno lo scopo di proteggere questa zona, con le braccia o con le gambe, es: quando si attacca con un pugno, l’altra mano e le gambe sono in posizione corretta per proteggere il nostro corpo e colpendo la linea centrale dell’opponente. Linea centrale significa equilibrio e vitalità. Equilibrio perché è la divisione in parti uguali del corpo, ed è il riferimento di difesa e di attacco dei punti vitali del nostro corpo.

E’ asse di riferimento di tutti i nostri movimenti. Vitalità perché passa del centro di energia del corpo stesso dove secondo i Taoisti, il centro dell'ombelico, e' il luogo in cui il corpo, la mente e lo spirito,possono essere unificati; e' il centro della Energia potente.

di Gianluca Cacchio

Lo studio della linea centrale, è uno dei concetti fondamentali del Wing Chun. Prima di parlare di linea centrale e meglio capire un’altra linea di riferimento la “linea mediana”.

La linea mediana, è quella linea ipotetica che percorre verticalmente l’intero corpo umano, indipendentemente da dove la si guarda.
La Linea centrale, e quella linea retta immaginaria che parte dalla linea mediana di un praticante e arriva alla linea mediana dell’avversario, indipendentemente dalla posizione dei due individui: Nella prima forma “Siu Nim Tao” la linea centrale è frontale, perpendicolare alla linea mediana e divide in due parti uguali il corpo; ma quando si è in applicazione i due praticanti si muovono e la linea centrale si sposta tenendo sempre il iferimento delle linee mediane.

La funzione della linea centrale è quella di capire dove la struttura è più vulnerabile e tenerla sempre protetta,ma a sua volta contrattaccare nella debolezza dell’avversario. quindi lo studio della linea centrale include la conoscenza dei punti vulnerabili, perchè proprio su questo si basano li contrattacchi del Wing Chun, cercando di proteggere la propria linea centrale e violando quella dell’avversario. Tutte le “guardie” ipotetiche del Wing Chun hanno lo scopo di proteggere questa zona, con le braccia e con le gambe, es: quando si attacca con un pugno, l’altra mano e le gambe sono in posizione corretta per proteggere il nostro corpo e colpendo la linea centrale dell’avversario.

di Gabriele Bonaccorsi

La Linea Centrale è una linea immaginaria che unisce i 2 avversari durante lo scontro, diventando così la via più breve per entrare in contatto.E' necessario che questa si trovi sempre di fronte a noi in un'area determinata da un immaginario triangolo formato dalla congiunzione dei polsi mantenuti a contatto fra loro senza muovere i fianchi.Così facendo saremo sempre in grado di difenderci usando entrambe le braccia con la stessa efficacia eseguendo la maggior parte delle tecniche difensive.

La funzione di tale Linea è quella dunque, di capire dove sia la parte più vulnerabile del nostro corpo proteggendola ma contemporaneamente contrattaccando. Infatti quando portiamo un pugno questo colpirà la linea centrale dell'avversario mentre l'altro braccio più le gambe in posizione corretta cercheranno la protezione del nostro corpo.

di Giuseppe Conte

Uno dei principi fondamentali del sistema “ WING CHUN “ è quello della linea centrale. L' introduzione del concetto di principio invece che di tecnica, come normalmente avviene negli altri metodi di combattimento, ci pone di fronte ad una vera e propria rivoluzione nel modo di concepire il “ sistema “, in quanto il praticante non si affida più alla percezione visiva del pericolo e quindi ad un automatismo dei movimenti condizionato da una linea di pensiero basata su “ azione e reazione”, quindi attacco dell'avversario, parata e contrattacco.

Il Wing Chun non è un' arte marziale stereotipata, ma bensì un metodo dove a fare da guida non sono più solo i sensi preponderanti come la vista o l'udito ma interviene anche la percezione tattile, che con anni di pratica porta il marzialista a intuire il momento migliore per inserirsi nella difesa dell'avversario, riconoscendo e codificandone i movimenti del corpo, anticipando così gli attacchi e avanzando fluido e dirompente come l'acqua.

Ritornando al concetto di linea centrale, cerchiamo di capire di cosa si tratta; per fare ciò ci possiamo riferire alla prima posizione che si apprende, la posizione base    “ YEE JEE KIM YEUNG “.

Se eseguita in maniera corretta, la posizione base gode di forte stabilità ed è fondamentale perchè ci insegna a gestire il peso del corpo e quindi l'equilibrio e in alcuni esercizi come per esempio il “CHI SAO“ anche la nostra forza e quella dell'avversario.

Se ci troviamo in posizione “ YEE JEE KIM YEUNG “, dobbiamo immaginare che il nostro corpo sia attraversato da una linea immaginaria, che passa dal centro della testa, attraversa la colonna vertebrale e esce nel punto che stà tra i genitali e l'ano, perpendicolare al piano orizzontale sul quale insistiamo con il nostro peso; tale asse viene chiamato “ LINEA MEDIANA “.

La linea centrale tra due praticanti non è altro che la congiungente delle rispettive linee mediane.

Lo studio della linea centrale è un impegno continuo che il praticante sostiene dall'inizio e per tutto il suo percorso formativo, in modo statico nella prima forma “  SIU NIM TAU “ dove è frontale e perpendicolare alla linea mediana, fino a maturarlo in movimento attraverso il costante allenamento, in modo da acquisirlo e ristabilirlo indipendentemente dalla posizione in cui ci si trova.

La linea centrale individua la parte più vulnerabile del nostro corpo, dove risiedono tutti i nostri punti vitali, gli organi interni e di conseguenza anche dell'avversario, quindi rappresenta la porzione della nostra struttura che deve essere continuamente protetta e allo stesso tempo ci suggerisce dove i nostri attacchi vadano indirizzati perchè possano essere efficaci, inoltre è la via più breve tra noi e il nostro avversario.

Non bisogna dimenticare che il principio vale sia per la parte superiore che  per quella inferiore del corpo,  il compito di proteggere e attaccare coinvolge braccia e gambe.

Molto importante è impegnare la linea centrale dell'avversario, in modo da occupare la traiettoria più vantaggiosa e costringerlo a dirigere i suoi attacchi da angolazioni più svantaggiose e prevedibili.

Il “ WING CHUN “ è un metodo scientifico di combattimento che grazie ai suoi principi, non solo quello della linea centrale, è in grado di contrastare e vanificare qualsiasi tipo di attacco indipendentemente da dove arriva, sposa il concetto di “LINEA CENTRALE “ perchè gli permette di raggiungere l'avversario spesso prima ancora che gli attacchi varchino il nostro spazio difensivo, in modo da risolvere lo scontro in poche secondi con una metodica di attacco precisa e dirompente, che fa di questa arte marziale una delle più efficaci per la difesa personale.

 
Venerdì, 30. Luglio 2021

Design by: LernVid.com